Bisogna che politici, amministratori pubblici e Governo nazionale, che si ingegnano in mille modi e con artifizi finanziari più diversi per far uscire l’Italia dalla crisi, se ne facciano una ragione: “Nessuna reale ripresa economica sarà possibile senza che sia riconosciuto a tutti il diritto al lavoro e promosse le condizioni che lo rendano effettivo”. La Conferenza Episcopale Italiana lo dice con chiarezza nel tradizionale messaggio per la giornata del 1° maggio della Commissione per i problemi sociali e il lavoro, la giustizia e la pace. È necessario che questo riconoscimento arrivi al più presto perché ci sono forti segnali che la pazienza dei giovani è quasi al limite. La precarietà lavorativa interessa anche la Sardegna, travolta dagli effetti devastanti della crisi sulla sua debole economia. Lo dicono i numeri:oltre 450 mila tra disoccupati e inoccupati, un giovane su 4 disperso scolasticamente, 81 mila sardi non studiano e non lavorano.
Secondo la tradizione cristiana, il lavoro è sempre associato al senso della vita; come tale esso non può mai essere ridotto a “occupazione”. È questo un tema quanto mai centrale oggi di fronte alla sfida della digitalizzazione. “La questione della giustizia e quella del senso sono strettamente intrecciate tra loro. Infatti – dicono i vescovi – è solo laddove si riconosce la centralità del lavoro che si può generare un valore economico realmente propulsivo per l’intera comunità”. Questo riconoscimento va costruito, diventa un fatto culturale, cominciando a ordinare i diversi ambiti della vita personale e sociale. A cominciare dalla scuola, primo investimento di una società che pensa al proprio futuro. Importante anche è il ruolo delle imprese e la promozione della nuova imprenditorialità che può vedere protagonisti soprattutto i giovani. La prossima settimana sociale di Cagliari vedrà la Chiesa italiana dare un contributo effettivo al nostro Paese, affinché sia finalmente riconquistata la centralità del valore del lavoro.

Articolo intero su Nuovo Cammino n. 8, pagg. 1-13.