Gonnoscodina. Conosciamo la prima scuola di equitazione della Marmilla

Il Maneggio il Giarino nasce dalla passione di due giovani Mogoresi, che hanno abbandonato ogni prospettiva futura per dedicarsi ad inseguire un sogno. Lui fabbro affermato e di talento destinato a prendere in mano l’azienda di famiglia, lei Laureata in Storia con Master in Lingua Sarda proiettata su una prospettiva di insegnamento nelle scuole. Eppure Genita e Simone, ora marito e moglie, non si sono lasciati spaventare dall’incertezza che si proiettava davanti a loro quando per la prima volta hanno visto il maneggio che avrebbero preso in gestione. Una struttura, insieme ad altre 5, voluta dal Consorzio Due Giare, agenzia di sviluppo locale, costruite per incrementare una rete di turismo equestre. Difatti i due intraprendenti ragazzi si sono aggiudicati il bando per l’assegnazione della struttura, sita nel comune di Gonnoscodina. Il 15 novembre 2011 apre il “Maneggio il Giarino” con il primissimo battesimo della sella. Unica struttura ricreativa di questo tipo presente nella zona, punto di ritrovo per giovani di tutte le età. Hanno unito amore per la natura e per la tradizione equestre, nel rispetto della cavallinità, aprendo così la prima scuola di equitazione etologica della Marmilla. L’etologia studia il comportamento degli animali nel loro ambiente naturale, permettendo all’uomo di arricchire le proprie conoscenze sull’organizzazione sociale all’interno del branco e sulle attività del cavallo nel suo ambiente naturale, sul mondo sensoriale e sui suoi metodi di comunicazione. A distanza di 5 anni, il maneggio è cresciuto e sta continuamente mutando il suo aspetto per offrire più servizi sia ai soci che fanno parte di questa ASD, sia ai cavalli e ai tanti animali che vivono nel Maneggio (asini, muli, capre, galline di diverse razze, anatre pinguino, germani, pavoni, gatti e cani sia trovatelli che di razza selezionata). Nel Maneggio sono attivi diversi corsi, per una utenza varia. Offriamo alla comunità servizi diversificati, in una terra considerata svantaggiata, ma che ha veramente tanto da offrire soprattutto se riscopriamo le vecchie tradizioni e ne facciamo buon uso. Facendo un lavoro di recupero della memoria offriamo un servizio alle persone anziane che potranno venire nel nostro maneggio, raccontare le storie che loro stessi hanno vissuto e fare un bel giro sul carro trainato dal cavallo rievocando situazioni già vissute. Il maneggio potrebbe risultare una valida alternativa alla classica gita scolastica dei bambini della scuola primaria e dell’infanzia. Con la nostra fattoria potremmo presentare ai bambini tutti gli animali che vivono nel maneggio, raccontandogli come vivono e che ruolo occupano sul nostro pianeta. Potranno poi conoscere le particolarità e giocare con i cavalli del maneggio. Inoltre dal 2015 è nata la squadra Agonismo del Maneggio il Giarino che si compone di 9 ragazzi, gli allievi l’anno scorso hanno partecipato per la prima volta ad un campionato agonistico con la Fitetrecante e la monta sarda da lavoro, si sono distinti dagli altri nella leggerezza con cui montano i propri amici cavalli, facendo in modo che la pressione per la gara venga ammortizzata dall’idea costruttiva di far nascere un binomio incondizionato tra uomo e cavallo. Quest’anno hanno portato a casa ottimi risultati: nel Campionato Regionale di Dressage, trofeo E80/E100 Giulia Leo di anni 14 di Gonnoscodina e Alessandro Serra di anni 11 di Sardara, hanno portato a casa rispettivamente il 2° ed il 3° posto, mentre nella gara promozionale di Dressage che si è svolta venerdì 30 settembre 2016 a Santa Giusta, tutto il podio è stato del Giarino, 1° posto Giulia Leo, 2° posto Nicolò Casu, 3° posto Alessandro Serra. Questi ragazzi hanno lavorato veramente sodo nel corso degli anni, ma per creare un vero binomio tra uomo e cavallo. Hanno alternato lavoro del cavallo da terra e in sella, con filetto, con capezze e anche senza nulla, il loro scopo era quello di giocare insieme al proprio amico a 4 zampe. Il Maneggio è veramente un posto sereno e tranquillo, dove tante persone arrivano. È un posto magico dove il tempo si ferma. Quello che conta è solo “Vivere il momento presente” esattamente come fanno i cavalli.

Eleonora Spiga

Lascia un commento