Mese Missionario Straordinario nel centenario della Lettera apostolica di Benedetto XV

Per il mese di ottobre del 2019 Papa Francesco chiede a tutta la Chiesa di vivere un tempo straordinario di missionarietà per commemorare il centenario della promulgazione della Lettera apostolica Maximum illud del Papa Benedetto XV (30 novembre 1919). “La profetica lungimiranza della sua proposta apostolica mi ha confermato su quanto sia ancora oggi importante rinnovare l’impegno missionario della Chiesa, riqualificare in senso evangelico la sua missione di annunciare e di portare al mondo la salvezza di Gesù Cristo, morto e risortoPer rinnovare l’ardore e la passione, motore spirituale dell’attività apostolica di innumerevoli santi e martiri missionari, ho accolto con molto favore la vostra proposta, elaborata assieme alla Congregazione per l’Evangelizzazione dei Popoli, di indire un tempo straordinario di preghiera e riflessione sulla missio ad gentes. Chiederò a tutta la Chiesa di dedicare il mese di ottobre dell’anno 2019 a questa finalità, perché in quell’anno celebreremo il centenario della Lettera Apostolica Maximum illud, del Papa Benedetto XV”. (Papa Francesco ai Superiori, i Segretari Generali, i Direttori Nazionali delle P.O.M. 03/06/17)

Missio Italia ha invitato Delegazioni Regionali e Centri Diocesani Missionari ad organizzarsi nel modo migliore possibile. La Comunità Diocesana si prepara a celebrare questo Mese Missionario Straordinario con una veglia missionaria di forania nelle cinque foranie della Diocesi, presieduta dal vicario foraneo, e una in Cattedrale presieduta dal vicario generale. La scelta delle foranie vorrebbe rinnovare lo spirito di Sinodalità e Comunione emerso nel nostro recente Sinodo Diocesano.

I nostri Confratelli dell’Africa presenti in Diocesi daranno la loro testimonianza. Presenteranno il loro Paese e la loro Chiesa, specie nelle dinamiche pastorali. “Ogni cristiano è missionario nella misura in cui si è incontrato con l’amore di Dio in Cristo Gesù; non diciamo più che siamo «discepoli» e «missionari», ma che siamo sempre «discepoli- missionari». Le chiese cosiddette giovani hanno bisogno della forza di quelle antiche, mentre queste hanno bisogno della testimonianza e della spinta delle più giovani, in modo che le singole chiese attingano dalla ric chezza delle altre”. EG

Le POM esprimono il loro servizio all’universalità ecclesiale come una rete glo- Mese Missionario Straordinario nel centenario della Lettera apostolica di Benedetto XV Rete di carità tra cristiani bale che sostiene il Papa nel suo impegno missionario con la preghiera, anima della missione, e la carità dei cristiani sparsi per il mondo intero. La loro offerta aiuta il Papa nell’evangelizzazione delle Chiese particolari (O.P.F.), nella formazione del clero locale (O.S. Pietro Apostolo), nell’educazione di una coscienza missionaria dei bambini di tutto il mondo (Santa Infanzia) e nella formazione missionaria della fede dei cristiani (P.U.M.). Auguro che il Mese Missionario Straordinario dell’Ottobre 2019 contribuisca al rinnovamento del loro servizio missionario al mio ministero”.
Messaggio G.M.M.

Veglia missionaria di forania

Il C.M.D. si propone di realizzare percorsi di animazione e formazione atti a far riscoprire l’impegno missionario del cristiano; collaborare, insieme con altri organismi e enti per promuovere l’educazione alla mondialità; sensibilizzare le comunità ecclesiali alla colletta annuale in occasione della Giornata Missionaria Mondiale; incrementare le adozioni e il sostegno a distanza; accogliere e valorizzare la ricchezza portata da sacerdoti, religiosi e religiose provenienti dalle Chiese di missione; promuovere la creazione e il sostegno dei gruppi missionari a livello locale (di parrocchia e di UP); pregare e far pregare le comunità soprattutto in occasione del Mese Missionario e della Giornata M. dei Martiri.

Don Vincenzo Salis