Il 24 luglio scorso Rosina Sanna (nella foto), sorella del caro don Dario, conosciuta da tanti come Rosetta, è tornata alla casa del Padre dove, sicuramente, è stata accolta tra le braccia di Maria. Impegnata in diverse associazioni parrocchiali di Guspini, ha dedicato del tempo, oltre a quello per la sua famiglia, alla visita alle persone malate alle quali col garbo, l’affabilità e la sensibilità che l’hanno sempre contraddistinta, ha saputo portare parole di conforto e speranza: “est caridadi”, era solita dire… Lascia un vuoto incolmabile nei suoi familiari e in quanti l’hanno conosciuta e amata anche per le sue doti narrative e di viva memoria. Lettrice appassionata di riviste, quotidiani e libri di vario genere, non perdeva mai l’appuntamento quindicinale con “Nuovo Cammino” che leggeva tutto d’un fiato per poi commentare con le persone che andava a visitare o che la venivano a trovare. “Le anime dei buoni sono tra le braccia di Dio”, è quanto riportato nel cartoncino in suo ricordo. A noi non resta che salutarla con un sentito “A dha connosci in su celu!”.

Maria Pina Scanu

Lascia un commento