Il 26 dicembre del 2015 ricorreva il primo anniversario dalla morte del P. Giuseppe Pittau gesuita.

nc-01-004

Morì a Tokyo la sera dopo una lunga agonia, nella residenza dei gesuiti “Loyola House”, assistito con amore dai p. Gesuiti e dai tanti ex alunni che avevano avuto il privilegio di essergli vicino. Le sue ceneri riposano nella cripta della chiesa parrocchiale di S. Ignazio di Loyola a Tokyo nella Università Sophia che lo vide docente, rettore e presidente; ora sono già meta di preghiera per tanti giapponesi. Parte delle ceneri riposano nella chiesa parrocchiale di S. Barbara in Villacidro nella cappella di S. Luigi Gonzaga. Nella chiesa dove p. Giuseppe Pittau è stato battezzato, ha ricevuto la cresima e la prima comunione. Nel 1950 prima di partire in Giappone vi ricevette il crocifisso di Missionario, dal parroco Mons. Giuseppe Diana e da Padre Egidio Boschi gesuita. Il 26 dicembre a Santa Barbara si è celebrata la Messa dell’anno in suffragio del p. Pittau presenti numerosissimi villacidresi. La Messa di anniversario si è celebrata anche nella parrocchia di Oschiri che imparò ad amarlo come Arcivescovo di N.S. di Castro. Lo stesso giorno l’Università Sophia e i gesuiti del Giappone ne hanno celebrato la memoria. Il suo ricordo è vivissimo. In Giappone sta per uscire il volume “Il testimone della nostra epoca” con la sintesi della sua vita, del suo pensiero a cura degli ex alunni Prof. Natsho e Maho. È nato pure un gruppo di docenti universitari che si incontrano periodicamente per approfondire e diffondere il pensiero del p. Pittau.

Lascia un commento