Ales. Interessante incontro tra il Vescovo e i giornalisti dell’UCSI e i collaboratori del nostro giornale sulle emergenze socio-religiose del territorio diocesano

Sabato 28 gennaio scorso si è celebrata anche nella nostra Diocesi la festa di San Francesco di Sales, patrono dei giornalisti, con un incontro col vescovo Padre Roberto Carboni, che vanta una lunga esperienza giornalistica. Organizzata dall’UCSI Sardegna (Unione Cattolica della Stampa Italiana) e dall’Ufficio Diocesano delle Comunicazioni Sociali si è tenuto uno stimolante incontro nel quale i giornalisti hanno interrogato mons. Carboni sul tema scelto dal Papa per la 51° Giornata Mondiale delle Comunicazioni Sociali in programma il prossimo 28 maggio: «Non temere, perché io sono con te» (Is 43,5). Comunicare speranza e fiducia nel nostro tempo”. Alla manifestazione, tenutasi nei locali dell’episcopio, oltre al Vescovo sono intervenuti il presidente dell’UCSI regionale Mario Girau ed il presidente dell’Ordine regionale dei giornalisti Francesco Birocchi L’iniziativa è stata anche un buon motivo per richiamare l’attenzione degli operatori dell’informazione, anche locali (corrispondenti, collaboratori, sacerdoti), sul ruolo e importanza della stampa sia per non addormentare le coscienze sia per rilanciare ragioni di speranza anche quando la disperazione sembra dietro l’angolo. L’incontro, introdotto dal Responsabile dell’Ufficio diocesano CC. SS. e direttore di “Nuovo Cammino”, don Petronio Floris, ha permesso agli intervenuti di conoscere meglio il Messaggio del Santo Padre, affidato alla presentazione di Padre Roberto. In particolare nell’illustrare le parti più salienti, mons. Carboni si è detto onorato della presenza di tanti giornalisti, elogiando anche il nostro giornale “Nuovo Cammino”, “Il messaggio papale, ci ricorda Padre Roberto, è tema centrale: raccontare secondo la logica della buona notizia è fondamentale, perché il pericolo è l’anestetizzazione delle coscienze. Un grande potere da usare bene. Bisogna comunicare speranza e fiducia nel nostro tempo. Un invito quindi a raccontare la storia dell’Uomo secondo le regole della buona notizia. Evitare la spettacolarizzazione, perchè non ci interessa l’audience, e non farsi prendere dalla disperazione. Al termine della presentazione del Messaggio, Padre Roberto ha risposto alla diverse domande da parte dei giornalisti presenti, Gigi Pittau pone il problema dei giovani: messaggio di speranza?. La risposta è chiara: “Incontrare e far parlare i giovani. Dare loro speranze perché restino nella propria terra”. Gli ultimi intereventi sono stati affidati a Mario Girau e a Francesco Birocchi. Girau rifacendosi anche all’intervento di Padre Roberto ha chiuso la sua riflessione sull’importante ruolo affidato alla stampa cattolica: “L’UCSI anche in Sardegna lavora per aiutare gli iscritti ad esercitare una professionalità impegnata eticamente, intrisa di valori, attenta ad aiutare i lettori a capire, leggere, studiare e trasformare in meglio la società, perché sia più giusta rispettosa della dignità umana“.

Articolo completo su Nuovo Cammino n. 3 pag. 3.

Tarcisio Agus